La carenza di vitamina B12 è un problema non solo dei vegani, ma anche di coloro i quali consumano carne. Molte volte è pertanto necessario provvedere alla sua integrazione. Si tratta certamente di un metodo utile per prevenire l’anemia ed eventuali danni al sistema nervoso. L’integrazione di questa vitamina è, quindi, particolarmente consigliata a tutti i vegani dato che non mangiano la carne, la sua principale fonte.

L’importanza della vitamina B12

Questa vitamina è fondamentale per il mantenimento delle forze energetiche e muscolari. Elementi chiave per poter essere in forma e vivere in modo sano e genuino. La vitamina B12 rappresenta un vero e proprio elisir per i vegani in quanto è presente per lo più nella carne. In quantità ridotte, la si può trovare nella latte di soia e in quello vegetale, oltre che in alcuni tipi di cereali. Gli integratori di vitamina B12 costituiscono, quindi, un valido supporto per l’organismo umano.

I benefici della vitamina B12

Questa vitamina ricopre un ruolo essenziale per il corpo umano. I benefici che ne conseguono dalla sua assunzione sono molteplici.

  • aiuto alla formazione dei globuli rossi
  • contributo al funzionamento del sistema nervoso
  • supporto al corretto funzionamento del metabolismo

Ecco perché riteniamo che sia fondamentale che anche i vegani abbiano la possibilità di integrare tale vitamina nella loro alimentazione quotidiana.

Un supporto valido anche per i non vegani

Anche i non vegani possono soffrire di carenza di vitamina B12 a causa di una scarsa capacità di assorbimento della stessa. Debolezza, capogiri, pallore, anemia sono i classici sintomi di carenza di questa vitamina nonostante si conduca una vita sana ed equilibrata nel cibo e nelle ore di sonno. Ecco, dunque, che un’integrazione di circa 10 microgrammi al giorno di vitamina B12 possono costituire a ristabilire i valori ottimali e rendervi attivi e in forma.