La Blockchain è una tecnologia che permette di memorizzare informazioni condividendole con diverse parti. Le applicazioni Blockchain sono molto semplici. Si basano, infatti, sul concetto di database distribuito, ossia una vera e propria banca dati in cui le informazioni sono salvate su diversi computer collegati tra loro. Queste macchine sono definite come “nodi” e consentono di non affidarsi esclusivamente a un server centrale. I dati scambiati all’interno della Blockchain sono racchiusi in un archivio digitale condiviso con migliaia di computer e liberamente consultabile dagli utenti.

Invenzione della Blockchain

La nascita della Blockchain, letteralmente “catena di blocchi”, è attribuita a Satoshi Nakamoto che nel 2008 ne illustrò i concetti basandosi sulla tecnologia P2P (Peer to Peer). Nel 2009 venne integrata all’interno della criptovaluta digitale Bitcoin in modo tale da assicurare un maggiore grado di sicurezza e trasparenza per lo scambio della moneta virtuale.

Quali sono gli elementi fondamentali delle applicazioni Blockchain?

  • Nodo: i server dei partecipanti
  • Transazione: i dati che vengono condivisi all’interno della Blockchain
  • Blocco: singole transazioni raggruppate in un insieme più ampio per essere controllate e approvate dai partecipanti alla Blockchain
  • Ledger: un registro digitale pubblico in cui viene salvata ogni tipo di transazione effettuata senza la possibilità di apportare modifiche e/o eliminare dati
  • Hash: una stringa univoca di codice che identifica in modo sicuro e trasparente ogni singolo blocco della Blockchain

 

Non solo Bitcoin. Le applicazioni Blockchain.

Quando si parla di Blockchain si pensa subito alla moneta digitale criptata (i Bitcoin) e al settore finanziario. In realtà, la Blockchain può essere impiegata in svariati ambiti, non necessariamente legati al mondo dell’economia. Può essere usata in qualsiasi momento è necessario stipulare un contratto, accordo o registrazione, come per esempio nei registri patrimoniali, cloud computing, identità digitale, voto online e tanto altro ancora.

Tecnologia in fase di sperimentazione, ma già adoperata in diversi ambiti.

  • Banche: sicurezza e trasparenza all’interno dei circuiti di pagamento, servizi di credito, attività inerenti la gestione del rischio finanziario.
  • Assicurazioni: rendere immediati e automatici i risarcimenti assicurativi.
  • Ambito Sanitario: confermare l’identità dei pazienti, dei fornitori sanitari e dei farmaci adoperati per i trattamenti medici.
  • Elezioni online: permette un sistema di voto più sicuro ed economico rispetto alla classica votazione cartacea.
  • Migrazionei: creazione di una carta d’identità virtuale basata sulla tecnologia criptata della Blockchain per chi risulta privi della normale carta d’identità.